• Quando.30 luglio 2019
  • A che ora.20:00
  • Dove.Villa Ada Roma Incontra il Mondo
  • Biglietti in preventita.€ 15,00 + d.p.
Concerto

A due anni dal bellissimo “ ’O Sanghe ” (vincitore della Targa Tenco nel 2017 nella sezione album in dialetto), e dopo oltre 200 concerti che in altrettanto tempo lo ha portato a girare l’Italia e l’Europa, James Senese, l’instancabile artista partenopeo originario di Miano, quartiere della periferia nord di Napoli, festeggia il raggiungimento di mezzo secolo di musica e successi con questo tour e la pubblicazione del doppio cd live antologico: “Aspettanno ‘o Tiempo”.

E’ il disco che consacra James Senese come uno dei più grandi musicisti italiani degli ultimi 50 anni. All’interno troviamo tutto il suo mondo musicale, ampissimo e trasversale. Tutto quello che dalla fine degli anni sessanta ad oggi è passato fra i vicoli di Napoli gli deve qualcosa. Per quei pochi che non lo conoscessero, basti aggiungere che James Senese è stato uno dei protagonisti assoluti di quello straordinario movimento che negli anni ’70 interessò la città partenopea, tanto da essere ricordato come “neapolitan power”.

Il disco è stato registrato durante il tour invernale 2017, e contiene tutti i suoi grandi successi oltre due inediti – lo strumentale “Route 66” e “‘LL’America”, quest’ultimo scritto da Edoardo Bennato per James, e una rilettura di “Manha de Carnaval” di Astrud Gilberto e Herb Otha, qui intitolata “Dint’ ‘o core”.

Testimone e protagonista di uno spaccato della musica napoletana, intriso innanzitutto d’innovazione, e che ancora fa scuola, ha legato il suo inimitabile suono, oltre che ai Napoli Centrale e agli Showmen, ovviamente a Pino Daniele, di cui è stato “suono autentico e struggente”. La formazione attuale dei Napoli Centrale è la stessa che ha registrato ‘Nero a metà’, lo storico album capolavoro di Pino Daniele, con Ernesto Vitolo alle tastiere, Gigi De Rienzo al basso e Agostino Marangolo alla batteria e Senese al sax.

“Assettate e nun te ‘ntussecà, ‘o vino è pane ‘e Dio e cu chesto amma campà. ‘O suonno è ‘nu suonno e tu te pierde cu’ ‘sti parole, ca nun vonno fernì. Guardame e canta pure tu appriesso a me, io sto cercanno a chi me vo’ bene, e ca jurnata senza ‘o sole nun tene culore addore d’ ‘o viento ‘a voce ‘e l’ammore nun tene tiempo ’o tiempo si tu.” J. Senese